Gallipoli, la città bella

Attraversato un ponte in pietra, ricordo di un’antica struttura in legno, e lasciandosi alle spalle la Fontana Greca, si entra nel cuore di Gallipoli, collocato su un’isoletta circondata dal mare. Subito si scorge la mole del Castello, posto a difesa dell’abitato con il suo peculiare Rivellino. Attraversando l’isola si giunge alla splendida Cattedrale dedicata a Sant’Agata, monumento emblematico del Barocco salentino. Interessante è la passeggiata lungo il percorso delle antiche mura in cui si incontrano numerosissime piccole chiese, anch’esse ricostruite quasi tutte tra il XVII e il XVIII secolo, che raccontano la storia delle tante confraternite che ancora oggi sono presenti a Gallipoli. Una serie di frantoi ipogei ricordano l’importanza di Gallipoli in passato nella produzione ed esportazione dell’olio lampante: dalla “Città Bella” infatti partiva l’olio che andava a illuminare tutta l’Europa.

Itinerario

Fontana Greca, Castello (esterno) e Rivellino, Cattedrale di Sant’Agata, Chiesa della Purità, Case a corte, chiesette delle Confraternite, frantoio ipogeo (ingresso a pagamento)

Durata: 2 ore

Suggerimento: possibilità di abbinare il Trekking nel Parco di Portoselvaggio e Palude del Capitano  per un itinerario della durata dell’intera giornata.