polignano a mare

“Torno subito” e il mistero in una cala di Polignano a Mare

“Torno subito” e il mistero in una cala di Polignano a Mare

Torno subito. Quelle due parole che suonano come una promessa, con lettere in ferro battuto incastonate sulla scogliera di Cala Paura, sono un piccolo mistero per chi vuole scoprire l’ormai nota e suggestiva cittadina costiera di Polignano a Mare.

I trend turistici tendono a spingere verso alcune mete piuttosto che altre, ma spesso per seguire l’ondata modaiola e fare qualche selfie in cerca di sicuri like e follower sui social si giunge in un luogo concedendosi solo un contatto superficiale senza pensare di approfondire la scoperta di una data località.

Negli ultimi anni è cresciuta sempre più, tra le altre località della Puglia e soprattutto del suo fronte mare, la notorietà di Polignano, ma in molti si soffermano alla ricerca delle viste panoramiche (senza dubbio ricche di fascino e a volte mozzafiato) dalle terrazze del centro storico o dal ponte sulla Lama Monachile, per non parlare delle folle di visitatori arrampicati (spesso dando testimonianza di interesse superficiale e di poca civiltà) su quel monumento di Domenico Modugno che sembra abbracciare e accogliere a braccia distese quanti arrivano al lungomare (in quel suo gesto che ci ricorda quando intonava la sua “Volare”), lì dove lo sguardo si apre su un orizzonte di mare e cielo mentre su un lato la bella Polignano sta imperturbabile a strapiombo sulla scogliera. 

Se però non ci si fermasse a questo potremmo scoprire altro. Proprio non molto lontano dal monumento al celebre cantante, si può proseguire per il lungomare e quindi percorrere la litoranea in direzione San Vito, si può raggiungere così un’insenatura – in estate pullulante di bagnanti – , Cala Paguro, che nel tempo ha visto mutuare il suo nome nella forma alterata “Paura”. Nonostante il toponimo, che potrebbe mettere in allerta, anche qui in verità non si risparmiano gli scatti di angoli pittoreschi. Ormeggiate nella caletta, su una spiaggia di ciottoli chiari troviamo le barche dei pescatori in accese tinte, dipinte di verde e rosso, di bianco e blu. Tutte intorno una serie di casette imbiancate dalle porte colorate di azzurro, delle sfumature intense del mare, un tempo rifugi per i pescatori ma ora per lo più abbandonate.

Camminando su un basso muretto, a ridosso della scogliera si può dar vita alla caccia a quella misteriosa scritta a cui facevo cenno nell’esordio di questo post.

Si possono scoprire – dove nessuno probabilmente guarderebbe (a me è successo quando sono andata a cercarla) – quelle due parole, in stampatello maiuscolo e in ferro imbrunito, mimetizzate sulle pareti di calcarinite, in parte coperta dalla macchia mediterranea, che guardano l’Adriatico. E la domanda è scontata ma non per questo non merita una risposta: chi ha incastonata lì quel “Torno subito” e per quale ragione?

Sotto la breve frase, si legge anche la scritta “H. Golba” e ancora più in basso un numero, una data in verità: 1992. Hossein Golba è scultore iraniano che nell’estate di ventotto anni fa ha visitato Polignano per partecipare a una rassegna dal titolo “Ritorno al mare”. Pare che l’artista fosse rimasto incantato dalla cittadina pugliese, quindi forse quella promessa di tornare si rivolgeva alla stessa Polignano. C’è chi invece potrebbe raccontare che è l’omaggio al ricordo di una fanciulla solita fare il bagno in questa caletta e che una volta dal suo tuffo non fece ritorno.

Un mistero che rende quest’angolo di Polignano magico, ma al quale forse non si arriverebbe seguendo gli itinerari già battuti. Un esempio sono i molti turisti che si fermano a fotografare i versi dipinti sulle scale di pietra e le pareti imbiancate nel centro storico, nei pressi di quell’ironico e impertinente “Vicolo Non Vedenti”, senza domandarsi il Perché! 

“Torno subito” e il mistero in una cala di Polignano a Mare, potrebbe essere il titolo di un racconto da leggere in uno dei bar storici della cittadina pugliese sorseggiando il famoso “caffè speciale”, bevanda ottima per ristorarsi dopo una bella passeggiata tra le tante bellezze monumentali e paesaggistiche di questo Meraviglioso paese.

Venite a scoprire queste pillole di insolita normalità per le vie, le insenature e gli scorci panoramici di Polignano, con una visita guidata con un professionista del team di The Monuments People.

Sfoglia le nostre proposte e contattateci.

Info Utili

Polignano a Mare è servita da stazione ferroviaria alla quale fermano treni regionali a cadenza regolare.
Potete consultare il sito Trenitalia per conoscere treni e orari più adatti alle vostre esigenze.
Per i bus turistici il parcheggio previsto è vicino allo Stadio “Madonna d’Altomare”, Piazzale Marco Polo, dove si trova anche un ampio parcheggio auto. Ampi parcheggi per automobili, più vicino al centro storico al lungomare dove si trova il monumento a Modugno, sono anche in Via Domenico Maringelli e in Viale S.Francesco d’Assisi.


Sara Foti Sciavaliere

Un grazie particolare a Leo Buonasora per le sue opere pittoriche dedicate a Polignano a Mare.

Polignano a mare veduta

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.