Melfi

Collocata nella parte più settentrionale della Basilicata, nel cuore del Vulture, la città, o meglio, il suo castello, fu scelto dall’imperatore Federico II di Svevia come residenza estiva dove praticare l’amata arte della falconeria. Da qui 1231, promulgò le Costituitiones Augustales, norme e leggi che regolamentavano la vita quotidiana nel Regno di Sicilia. Il Castello è la sede del Museo Archeologico del Melfese, dove è possibile ammirare reperti archeologici pertinenti ai più antichi insediamenti del territorio, in particolare i siti sulle colline Cappuccini e Valleverde. Il suggestivo centro storico, di impianto medievale, è ancora circondato dalle antiche mura normanne con torrioni di avvistamento su cui sovrasta imponente il castello normanno-svevo e da cui spicca il campanile romanico della Cattedrale, dedicata a Santa Maria Assunta.

Itinerario

Centro Storico, Cattedrale di Santa Maria Assunta, Castello svevo (ingresso a pagamento).

Durata: mezza giornata


Suggerimento: Possibilità di abbinare gli itinerari nn. 32 e 33 tra loro per un itinerario della durata dell’intera giornata.